fbpx

Vulnamin Spray

Vulnamin® Spray è un Medical Device di classe II b CE 0373, coadiuvante nei processi di cicatrizzazione.


Medicazione interattiva a base di sodio jaluronato e aminoacidi costitutivi del collagene, Vulnamin® Spray favorisce il ripristino del microambiente umido in ferite particolarmente asciutte, coadiuvando al contempo la fase di detersione e granulazione delle lesioni cutanee non deterse.

Aree terapeutiche
APPLICAZIONI
Lesioni acuteUlcere croniche

Vulnamin® spray protegge l’integrità della cute, trovando impiego nelle fasi precoci delle lesioni con effetto preventivo sull’evoluzione delle stesse. 

L’applicazione su cute non ancora ulcerata ma con prodromi di evoluzione ulcerativa, favorisce il mantenimento di un microambiente protettivo sull’integrità della cute stessa.

 

Vulnamin® spray facilita infatti la detersione e la formazione di tessuto di granulazione e, quindi, la rigenerazione dell’area di lesione, riducendo inoltre l’infiltrato infiammatorio e, al contempo, stimolando i fibroblasti a produrre collagene.

 

La versatile formulazione di Vulnamin® spray ne consente l’utilizzo anche in aree difficilmente raggiungibili e particolarmente dolorose al contatto.

In presenza di rossore o eritema stabile: applicare con leggero movimento circolare un velo sottile ed uniforme sulle aree a rischio di sviluppo di lesioni da decubito. Applicare 1-2 volte al giorno fino a guarigione. 

 

In presenza di lesioni, lavare e detergere la lesione. Lesioni deterse asciutte: stendere un velo sottile, utilizzando medicazioni secondarie occlusive o semi occlusive. Lesioni con panno di fibrina: impiegare una quantità congrua al debridment. 

 

La frequenza di medicazione varia fra 2 e 3 alla settimana.

Flacone in vetro da 30 ml con erogatore.

 

Vulnamin® spray contiene: Glicina: 2,0% L-Prolina: 1,5% L-Leucina: 0,30% L-Lisina: 0,20% Sodio Jaluronato: 1,33% Acqua depurata: 89,33% Eccipienti: 5,34%

  • Non utilizzare su infezione franca. 
  • Nelle lesioni colonizzate abbinare una medicazione secondaria antibatterica.
Bibliografia

Questo è un contenuto riservato. Per accedere ai contenuti
dell’area riservata è necessario effettuare il login oppure registrarsi.