il nostro impegno per la salute

Alla vigilia dei referendum autonomisti la conferma: risorse per sanita’ servono al sud

Ottobre 2017

Inserire il deficit di benessere presente nelle regioni più povere come criterio per ripartire diversamente i soldi del Fondo sanitario? Alla vigilia dei referendum per l’autonomia in Veneto e Lombardia, la proposta è ardita, ma due indagini assolutamente differenti tra loro – il rapporto Osservasalute che offre i dati sulla speranza di vita 2015 e la Griglia Lea che riporta l’offerta sanitaria regione per regione nello stesso anno – convergono nel dimostrare il peggioramento del gap Nord-Sud in sanità. Il 2015 ha visto un peggioramento netto della speranza di vita, diminuita di 0,2 anni negli uomini e 0,4 nelle donne.

continua a leggere

Malati alzheimer, disegno di legge riconosce l’impegno dei congiunti in casa

Ottobre 2017

Portare l’anziano con deficit cognitivo e indennità d’accompagnamento in residenza sanitaria socioassistenziale o in un centro Alzheimer? La sanità pubblica dà un contributo? Magari è sufficiente la badante. No, lo assistiamo a casa. Chi vive sulla sua pelle il problema di un parente con demenza ha l’imbarazzo della scelta tra soluzioni tutte onerose dal punto di vista sia economico sia affettivo. Oggi però il legislatore sta cercando di riconoscere l'attività di cura “non professionale” prestata gratuitamente a familiari necessitano di assistenza a lungo termine per malattia, infermità o disabilità gravi.

continua a leggere

Nuovi lea e revisione dei prezzi dei galenici, l’italia si muove a tenaglia contro le malattie rare

Ottobre 2017

L’Italia fa un passo avanti in linea con il resto d’Europa nella cura di malattie rare o non arginate dai farmaci in commercio. Anzi, due passi: mentre arrivano nuove malattie rare nei livelli essenziali di assistenza, e nuove possibilità di esenzione, il Ministero della Salute e i farmacisti trovano un accordo sulla nuova tariffa nazionale per la vendita al pubblico dei medicinali galenici. L’elenco aggiornato delle malattie rare esentabili dal ticket, pubblicato con il decreto Lea il 15 settembre, contiene 134 nuovi codici d’esenzione riferiti ad un totale di 201 patologie.

continua a leggere

Il paradosso italiano: troppi pochi medici per il servizio sanitario, ma nei prossimi dieci anni i disoccupati cresceranno

Settembre 2017

Quasi sessantasette mila, 5 mila in più di un anno fa. Tanti si sono iscritti quest’anno al test di medicina, per 9 mila posti. Il camice bianco attrae sempre di più, a dispetto della difficoltà di trovare un lavoro, che invece è destinata a crescere. La Federazione degli Ordini stima che entro il 2026, 36 mila neolaureati in medicina non troveranno da lavorare o per farlo dovranno espatriare. Infatti non potranno accedere alle scuole di specializzazione per praticare l’attività in ospedale né al tirocinio per diventare medici di famiglia.

continua a leggere

Visite fiscali, da settembre ci pensa solo l’inps. presto nuove fasce orarie per i lavoratori

Settembre 2017

Partiti! Dal 1° settembre per le visite fiscali dei lavoratori pubblici e privati c’è un Polo Unico, un grande ufficio virtuale che unificherà sotto un unico centro decisionale, nell’Inps, i controlli sulle assenze per malattia. Gli stessi medici controllano a casa l’insegnante come il dipendente di officina meccanica, quando sono assenti, senza più differenze. Fino allo scorso agosto è andata diversamente, per 12 milioni di dipendenti privati i controlli li hanno svolti i medici fiscali dell’Inps mentre per oltre 3 milioni di dipendenti pubblici ci pensavano i medici dipendenti delle Asl.

continua a leggere

Il telemonitoraggio, via italiana al contenimento dell’epidemia- dolore

Settembre 2017

C’è un’epidemia grave e silenziosa nel nostro paese e cresce inesorabilmente, per fortuna ha spesso un lieto fine, ma –come le infezioni senza antibiotico – spesso senza il medico non guarisce. In Italia nel 2015 è stata all’origine di 10 milioni di accessi in pronto soccorso, riguarda un anziano su due e il 60% delle visite dal medico di famiglia tra gli ultrasessantacinquenni: questa epidemia si chiama dolore. Sia esso dovuto ad artrosi, mal di testa, mal di schiena, esiti di un trauma o malattie degenerative presenta la comune necessità di trattamenti analgesici.

continua a leggere

Nuovi obblighi vaccinali, ecco le circolari: niente nido per i renitenti ed autocertificazione obbligatoria per i sanitari

Settembre 2017

Niente asilo nido per il bambino non vaccinato, dieci settembre come data per far sapere alle scuole se il minore di 16 anni è in regola con i vaccini obbligatori  e obbligo per i sanitari di autocertificare ad Asl e ospedali presso cui lavorano l’elenco delle vaccinazioni cui si sono sottoposti nella vita: sono le tre conseguenze immediate dell’applicazione della legge 119 che accanto ai vaccini antitetano-difterite- polio-epatite B rende obbligatori i vaccini contro pertosse, varicella, morbillo, parotite, rosolia ed haemophilus influenzae B.

continua a leggere

Rsa e assistenza domiciliare, un flop. tribunale del malato: urgono standard di qualita’ come per ospedali

Agosto 2017

Indicare standard di personale e per popolazione sotto cui non andare per le strutture territoriali, com’è stato fatto per gli ospedali, e investire sull’assistenza domiciliare, sul controllo della qualità dei servizi erogati e sull’informazione al cittadino. Sono le indicazioni che offre il Tribunale dei diritti del Malato di Cittadinanzattiva per risvegliare la medicina del territorio in Italia. Una medicina che langue e che non basteranno le convenzioni dei medici di famiglia, pediatri, specialisti e farmacie a rianimare. Due anni fa il decreto 70 del ministero della salute sanciva la chiusura delle strutture piccole e inefficienti, con tagli fino al 21% dei posti letto (in Molise). Ma a quei tagli non è seguito lo sviluppo dell’assistenza sul territorio.

continua a leggere

Ocse: italia normopeso grazie agli anziani ma giovani piu’ grassi. per mangiare meglio, apps ed etichette-semaforo

Agosto 2017

L’Italia è un paese “magro” e scattante se si considerano tutte le fasce d’età. Ma è in pole in Europa per obesità tra i giovani. Lo dice l’Obesity Update 2017, statistica che valuta la prevalenza di sovrappeso e obesità nei paesi Ocse. L’epidemia cresce dappertutto, tanto che un adulto su due e un bambino su sei nei paesi dell’Organizzazione del Commercio e Sviluppo economico sono sovrappeso od obesi. I tassi più alti di obesità (30%) sono in Nordamerica, Nuova Zelanda, Ungheria, i più bassi in Giappone e in Corea (6%). L’Italia si colloca al 3° posto per “virtuosità”: un dato inatteso, condiviso con altri paesi mediterranei nei quali è presente un servizio sanitario pubblico. I soggetti sovrappeso sono il 9,8%, un pelo meno che in Svizzera e Spagna.

continua a leggere

Informazioni sui servizi sanitari: il medico offre qualita’, il web contatti. urge sito istituzionale

Luglio 2017

Da Nord a Sud, gli italiani hanno sempre più bisogno di informazioni sui servizi sanitari, oltre che sulle malattie, e hanno due strade: il medico di famiglia come informatore di fiducia e il web come informatore e basta. Molti dei mille cittadini intervistati nell’indagine Agenas “Informati e in salute” presentata a giugno però vorrebbero avere ancora più informazioni dal medico di famiglia che a due anni di distanza si conferma votato dal 72% degli intervistati per i consigli sulla salute in generale, e seguito a gran distanza da “amici-parenti”, (riferimenti per un 53% della popolazione under 30 del campione), e dagli specialisti con un 27% di estimatori.

continua a leggere

Convenzione 118 in dirittura d’arrivo: dopo gli specialisti tocca a medici di base, pediatri e farmacie

Luglio 2017

Non era mai accaduto: Fimmg Snami e Smi, sindacati dei medici di famiglia spesso in contrasto al tavolo di trattativa, presenteranno una piattaforma comune per arrivare alla nuova convenzione. I beneficiari sono i medici dell’emergenza e 118. Il documento in sei punti chiede più uniformità nelle regole d’ingaggio del medico d'emergenza sanitaria territoriale, un modello organizzativo nazionale, competenze definite dalla convenzione, organici predefiniti e più tutele contrattuali (malattia, assicurazione, presenza del trattamento di fine rapporto).

continua a leggere

Ministero salute: per entrare nel corso di medicina generale non serve preventiva iscrizione albo medici

Giugno 2017

Il tavolo per la medicina generale, composto da Ministero della Salute, Ordini e sindacati, produce una prima importante novità: si uniformano le regole per partecipare ai concorsi di ammissione al test di medicina generale e quelle per entrare nelle scuole di specialità. Con decreto del ministero della Salute del 7 giugno scorso, le prime si adeguano alle seconde, da tempo più snelle, e così in Italia si potrà diventare medici di famiglia un anno prima, diciamo a 28 anni anziché a 29 suonati, perché un anno prima si potrà finire il corso.

continua a leggere

La crisi seppellisce la sanita’ universale, gli italiani ora guardano alle mutue

Giugno 2017

La sanità non è più universale in Italia. La riforma del 1978 pare seppellita dalla crisi economica che ha scavato un solco nel ceto medio. Gli italiani che non possono permettersi le cure, ovviando di tasca propria sono 13,5 milioni, il 22,3%: lo afferma l’indagine Censis Rbm, presentata a Roma al VI Welfare Day, che valuta il tasso di crescita della spesa privata, nel periodo 2013-2015 l’incremento è del 3,2% all’anno, mentre i consumi familiari sono cresciuti solo dell’1,7% annuo.

continua a leggere

Sanita’, nel bel paese cure a prezzi bassi, ma potremmo essere ancora piu’ attrattivi

Giugno 2017

Con maggio 2017 si è chiusa a Milano Intercare, fiera del turismo medicale, che intercetta il fenomeno delle cure all’estero. Intese non tanto in attuazione della direttiva dell’Unione Europea che consente ai cittadini degli stati membri di farsi curare in un paese differente dal loro, gli italiani in Lettonia o Francia e viceversa; ma come banco di prova per l’attrattività delle strutture italiane pubbliche e private verso acquirenti privati di tutto il mondo, in primo luogo assicurazioni sanitarie.

continua a leggere

L’italiano apprezza l’infermiere: boom di prestazioni sul territorio e per i cronici

Maggio 2017

Chi sale, chi scende. Se il servizio sanitario italiano registra alti e bassi nelle indagini di gradimento, gli infermieri sono sempre più amati: l’84% degli intervistati nell’indagine li apprezza, e il gradimento sale al 90% tra gli anziani sopra i 65 anni. Sarà perché sono pochi: ne mancano all’appello 50 mila di cui 20 mila negli ospedali e 30 mila sul territorio a fianco del medico di famiglia.

continua a leggere

Italiani attratti da doctor google, ma al bisogno preferiscono medico e farmacista

Maggio 2017

Gli italiani chiedono all’informatica di migliorare l’accesso alle prestazioni sanitarie ma non tendono ad usarla per scavalcare il medico o il farmacista, quando la salute è in gioco rispettano le competenze e si relazionano in modo maturo. E dire che sono maturi anche come acquirenti di tecnologia. Tutti questi dati si evincono dall’indagine dell’Osservatorio per la sanità digitale del Politecnico di Milano condotta su un campione di un migliaio di cittadini e su altri panel di medici internisti e di famiglia in collaborazione con le associazioni Aaroi e Fimmg.

continua a leggere

Malati cronici, attese sempre piu’ lunghe per diagnosi ed assistenza mirata

Maggio 2017

Livelli essenziali di assistenza - quelli vecchi, in vigore fino al 2016 - non rispettati; i nuovi che rischiano di restare lettera morta; esborsi  fino a 10 mila euro l’anno per screening, medicine, visite specialistiche; spese fino a 60 mila euro per ricoverare l’anziano in una struttura o per adattare la casa al disabile; 7-8 mila euro “investiti” in protesi e viaggi per le cure; anni d'attesa per una diagnosi o persino un esame di controllo: è la fotografia scattata dal Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici (CnAMC)

continua a leggere

Assistenza a cronici, lombardia punta su enti gestori, ma il medico di famiglia non è tagliato fuori

Aprile 2017

C’erano una volta i Creg, i chronic related groups: elenchi di prestazioni per curare malattie croniche sperimentati in Lombardia, ricavati sulla base dei dati di spesa della Regione. Con i Creg si ricavano dei budget previsionali per ciascun paziente cronico, da far gestire ai medici di famiglia; questi ultimi possono o meno aderire alla sperimentazione.

continua a leggere

Mortalita’ in aumento, non solo per colpa dell’eta’. governo rafforza tutela fasce deboli

Aprile 2017

In 12 anni, tra il 2013 e il 2014, la mortalità degli italiani è diminuita. Nel 2003 morivano 141 maschi ogni 10 mila abitanti, nel 2014 erano scesi a 107, e le donne erano scese da 90 a 69. Ma il 2015 è stato un anno tristemente atipico per l’Italia, si sono verificate 49.000 morti in più rispetto alle 600 mila “spaccate” degli anni precedenti

continua a leggere

Dispositivi medici, europarlamento approva regole su tracciabilita’, garanzie a utenti e poteri a bruxelles

Aprile 2017

Niente più protesi mammarie al silicone che esplodono in aereo, protesi d’anca inadeguate, e forse siringhe che fanno solo male: l’Europarlamento ha appena approvato due regolamenti che da quest’anno impongono letteralmente agli stati membri nuovi criteri per sorvegliare la qualità dei dispositivi medici

continua a leggere

La rivoluzione nasce dal veneto: niente piu’ tappa dal medico per le ripetizioni di ricette

Aprile 2017

Il medico di famiglia prescrive un esame e poi lo prenota al paziente. In cambio, non perde tempo –né lui né l’assistito- per le ripetizioni delle ricette, le scrive in automatico e il paziente le consulta dal telefonino e le mostra al farmacista. Sono i vantaggi di cui godranno presto i cittadini del Veneto, nell’ambito dell’informatizzazione sanitaria.

continua a leggere

Parti, rapporto cedap: piu’ cesarei al sud e meno esami per le gestanti straniere

Aprile 2017

Resta la Campania la regione con il rapporto più alto in assoluto di parti cesarei (60%), ma in Italia se ne fanno troppi lo stesso, 35% del totale. L’88,8% degli eventi parto avviene nelle strutture pubbliche, l’11,2% nelle strutture private e accreditate. Una mamma su cinque non è italiana.

continua a leggere

Maternita’ e malattia, inps tutelera’ precari della sanita’, ma il modello è il welfare dei medici

Marzo 2017

Non solo i sanitari ed i professionisti tutelati da un albo o gli iscritti alle gestioni speciali Inps: tutti i lavoratori autonomi in Italia si avviano ad avere tutele minime, per la maternità, la malattia ed i contratti. Il nuovo disegno di legge sul pubblico impiego in discussione alla Camera e sostenuto dal Governo interessa in particolare i precari della sanità e gli studenti e le studentesse di medicina.

continua a leggere

Responsabilita’ sanitaria, medici e infermieri tirano il fiato con la nuova legge

Marzo 2017

Fino a ieri l’Italia era uno dei pochi paesi al mondo in cui un medico rispondesse penalmente anche per colpa lieve. Ora non lo è più. Con 255 pareri favorevoli e 133 contrari è legge il dispositivo che cambia la disciplina della responsabilità professionale. Dal 1999

continua a leggere

Piano vaccini, la sanita’ italiana punta a eradicare meningiti, papilloma e “morbillo di ritorno”

Marzo 2017

Dopo il crollo delle immunizzazioni degli ultimi anni, l’Italia fa sul serio e vara un Piano Nazionale Vaccini 2017-19. Si trova nel Decreto sui Livelli essenziali di assistenza e rivede le prestazioni a carico del Servizio sanitario nazionale che oggi, come vedremo, offre un’ampia gamma di vaccinazioni, obbligatorie e raccomandate.

continua a leggere

“Squalificati" ma liberi di esercitare: per sanitari puniti da ordine manca giudice d’appello

Febbraio 2017

Da oltre un anno, se un medico o un dentista è sanzionato dall’ordine di appartenenza per una violazione del Codice deontologico, anche se la punizione è la massima – sospensione o radiazione – può continuare ad esercitare. Gli è sufficiente ricorrere alla Commissione Centrale

continua a leggere

Nuovi livelli essenziali d’assistenza, tutte le “conquiste” dai vaccini alla procreazione

Febbraio 2017

Centinaia di migliaia di nuovi vaccinati, 300 mila esenzioni per l’endometriosi, nuove patologie rare e lotta all’infertilità: l’entrata in vigore dei nuovi livelli essenziali di assistenza avrà un impatto forte sugli italiani e gli 800 milioni stanziati nel decreto firmato a inizio anno dal premier Paolo Gentiloni saranno ben spesi, ma rischiano di essere pochi. Il provvedimento rivede

continua a leggere

ECM, riscritte le regole sui crediti. chi è indietro puo’ recuperare

Febbraio 2017

Settecento provider definitivi e circa trecentocinquanta provvisori, quasi un milione di discenti: per tutti loro in sanità cambiano le regole per la formazione continua, nel senso della trasparenza e dell’innovazione, è quanto indicato dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin. I criteri in base ai quali si danno i crediti quest’anno si modificano e un accordo tra governo e regioni rivede

continua a leggere

Medico di famiglia specialista, anche l’Italia adesso ci prova

Gennaio 2017

Medici di famiglia specialisti come i cardiologi, i neurologi, i ginecologi, gli oculisti? Nel resto d’Europa è così. L’Italia stava per adeguarsi, ma il sogno si è infranto. In ogni caso per la prima volta nel nostro ordinamento è stata introdotta -con un emendamento di Filippo Crimì, deputato Pd, poi all’ultimo momento saltato - una Scuola di specializzazione universitaria in Medicina Generale.

continua a leggere

Aziende sanitarie, i manager migliori tendono a non spostarsi mai

Gennaio 2017

Direttori generali, sanitari, amministrativi, degli ospedali sono sempre più appetibili, se bravi. E per loro dovrebbe esistere un mercato, un po’ come per i calciatori. Ma con una differenza. Mentre gli atleti più bravi vanno in genere nella squadra più forte, nel servizio pubblico gli esperti in gestione, emigrando, aiuterebbero le aziende del servizio sanitario in deficit – le squadre più deboli

continua a leggere

Automedicazione, giovani ne sanno di piu', ma in italia pochi farmaci otc

Gennaio 2017

Curarsi da soli? I giovani italiani conoscono di più in materia, rispetto a quanto non ne sapessero i genitori alla loro età: nell’87% dei casi sanno che i farmaci di automedicazione si comprano senza ricetta e sanno che curano piccoli disturbi o lievi sintomi, un quarto conosce il bollino rosso sulla confezione. Nel 63% dei casi ne hanno fatto uso nell’arco dell’anno, due terzi

continua a leggere